Religione e politica

Religione e politica

Galati Vito G.,

Postfazione di: Mazzei Federico,

Prezzo € 26,60

Prezzo di copertina € 28,00

Supporti disponibili Prezzo
Religione e politica - Cartaceo € 26,60

Religione e politica di Vito Giuseppe Galati (1893-1968) ben rappresentava nella prospettiva di Gobetti la «funzione liberale» del popolarismo all’interno dello schieramento aventiniano. Rivalutando l’apporto dei cattolici – Gioberti, Manzoni, Rosmini, Capponi, Tommaseo, Balbo – al Risorgimento, il libro criticava il mondo liberale del dopoguerra e in particolare Giolitti per esser rimasto prigioniero di anacronistici «steccati» che avevano impedito l’affermarsi un’«ideologia di coalizione». D’altra parte, quella di Galati era anche una presa di distanze dall’iniziale collaborazione del PPI con Mussolini, un’indagine critica nella genesi della resistenza democratica del popolarismo. Il riconoscimento della distanza irriducibile tra cattolicesimo e ideologia mussoliniana, agli antipodi del «clerico-fascismo» che appoggiò il regime ed esiliò Sturzo, porterà Galati, unico ex-popolare, a essere attivo collaboratore del «Baretti» tra il 1925 e il 1928, dopo la morte del suo fondatore.

Dettagli supporto

Supporto cartaceo (libro)

Pagine x-246

ISBN 9788893594431

Anno 2020