Contro il calunniatore di Platone

Contro il calunniatore di Platone

Nota critica di Ivanoe Privitera

Bessarione Basilio,

A cura di: Del Soldato Eva,

Prezzo € 40,85

Prezzo di copertina € 43,00

L'In calumniatorem Platonis di Bessarione è stato un testo capitale della storia della cultura occidentale, un testo che garantì il ritorno di Platone e della tradizione platonica nel pensiero occidentale. Dopo secoli nei quali il platonismo aveva avuto infatti un'esistenza sotterranea e limitata a pochi testi disponibili in versione latina, Bessarione - impegnato in una battaglia polemica con il filo-aristotelico Giorgio da Trebisonda, il calunniatore del titolo - si liberò dei limiti angusti dell'occasione polemica, per offrire un compendio e una giustificazione delle dottrine platoniche ai lettori latini. Naturalmente per poter confermare la bontà del platonismo, e salvarlo così dalle accuse di empietà, lussuria e inettitudine lanciate dal Trebisonda, Bessarione aveva bisogno di testimoni adeguati. Per questo l'avvicinamento del platonismo al cristianesimo, e la parallela quanto sottile messa in dubbio dell'analoga convergenza tra aristotelismo e religione cristiana, miravano a confermare nel mondo latino un antico paradigma interpretativo, che vedeva in Platone un teologo, e in Aristotele un fisico. E nel frattempo l'In calumniatorem rappresentava certo una delle pagine più significative della controversia sull'armonia tra Platone e Aristotele che caratterizzò la prima età moderna. Il presente volume rappresenta la prima traduzione in lingua moderna del testo, che viene presentato attraverso una vasta selezione delle sue parti più significative e un rinnovato apparato di fonti.

Disponibile su Torrossa store

 

Dettagli supporto

Supporto cartaceo (libro)

Pagine xxx-274

ISBN 9788863724776

Anno 2014

Numero in collana 111