Poetica d’Aristotile tradotta di greco in lingua vulgare fiorentina da Bernardo Segni gentiluomo et accademico fiorentino

Poetica d’Aristotile tradotta di greco in lingua vulgare fiorentina da Bernardo Segni gentiluomo et accademico fiorentino

Bionda Simone,

Prezzo € 39,10

Prezzo di copertina € 46,00

Il fiorentino Bernardo Segni (1504-1558), traduttore in volgare di Aristotele, è più e meglio conosciuto come autore delle Storie della sua città, rimaste inedite fino al 1723. Le sue quattro traduzioni aristoteliche (della Retorica e della Poetica, della Politica e dell’Etica) furono invece pubblicate tutte a Firenze vivente l’autore, tra il 1549 e il 1550, da Lorenzo Torrentino tipografo ducale. In particolare la Poetica, uscita in volume con la Retorica nel 1549 (e poi a Venezia nel 1551), può vantare di essere stata la prima traduzione del fondamentale trattato non solo in italiano ma in una lingua moderna. Questo importante volgarizzamento viene ora proposto per la prima volta in edizione critica, con un ampio commento a piè di pagina che dà conto delle sue fonti latino-umanistiche (in primo luogo Alessandro Pazzi e Francesco Robortello), nonché delle tangenze con i contemporanei trattati di poetica in italiano di impianto aristotelico (su tutti quelli di Giovan Battista Giraldi Cinzio e Gian Giorgio Trissino). Il testo è inoltre preceduto da un’introduzione storico-filologica che ne ricostruisce la genesi e che mette a fuoco i rapporti tra il suo autore e il maggior filologo dell’epoca, Piero Vettori.

Recensioni:

- Azione, 22 febbraio 2016, Chi? E per chi?, di Giovanni Orelli;

- Lettere italiane, 2017/2 ~ a. 69, Poetica d'Aristotile, di Jean-Jacques Marchand, pp. 397-402.

Vedi Indice

Disponibile su Torrossa store

Dettagli supporto

Supporto cartaceo (libro)

Pagine lxxxii-250

ISBN 9788863728071

Anno 2015

Numero in collana 9