Commercio rischio guerra

Commercio rischio guerra

Il mercato delle assicurazioni marittime di Livorno (1694-1795)

Addobbati Andrea,

Prezzo € 45,60

Prezzo di copertina € 48,00

Supporti disponibili Prezzo
Commercio rischio guerra - Cartaceo € 45,60

Il contratto d’assicurazione, che tanta parte ha avuto nello sviluppo delle società industriali, nasce in Italia nel Medioevo, ma è solo nel XVIII secolo, con l’elaborazione di tecniche sempre più specializzate e la creazione delle prime grandi compagnie per azioni, che l’impresa assicurativa conquisterà una sua autonomia rispetto alla casa di negozio tradizionale. Specializzazione e concentrazione finanziaria sono fenomeni che, sull’esempio delle prime compagnie londinesi, si diffonderanno in tutta Europa a partire dagli anni della Guerra di successione austriaca. Il caso della piazza assicurativa di Livorno, uno dei più importanti crocevia mediterranei del commercio nel Sei-Settecento, permette di ripercorrere le tappe di una lunga vicenda, nel corso della quale un mercato concorrenziale e sovranazionale si andrà sostituendo ad un vecchio modello di mercato a base mutualistica. Il confronto tra vecchio e nuovo verrà deciso a fine secolo dalle guerre rivoluzionarie, in seguito alle quali le piazze assicurative più conservatrici andranno incontro alla catastrofe: alla caduta di Livorno, Venezia e Amsterdam farà da controcanto il grande sviluppo che nell’Ottocento caratterizzerà Trieste e Amburgo.

Dettagli supporto

Supporto cartaceo (libro)

Pagine 328

ISBN 9788884984449

Anno 2007

Numero in collana 22