Edith Bruck

, ungherese, ma emigrata in occidente e scrivente in italiano. Nata nel 1920, nella sua narrativa la passione, il dissidio, la perdita diventano causa di improvvise trasformazioni della persona. Si vedano i romanzi: Due stanze vuote (1974), Transit (1978), Mio splendido disastro (1979).