Per la storia della tradizione degli Epigrammata Bobiensia

Per la storia della tradizione degli Epigrammata Bobiensia

Con una disamina delle Carte Campana e un testimone inedito

Portuese Orazio,

Prezzo € 23,80

Prezzo di copertina € 28,00

Identificati i LXX epigrammata rinvenuti a Bobbio nel 1493 con una silloge di 71 epigrammi tardoantichi conservata nel ms. Vat. lat. 2836, Augusto Campana ne affidò l’edizione critica a Franco Munari che la pubblicò nel 1955, ma riservò a sé l’indagine sulla tradizione degli epigrammi, alcuni dei quali, sotto il nome di Ausonio, avevano ben presto cominciato a circolare a stampa. Mirando alla ricostruzione del perduto codice di Bobbio, Orazio Portuese ha ripreso l’indagine che Campana non portò mai a compimento e, senza dimenticare quel che resta delle sue ricerche (Rimini, Biblioteca Gambalunga, Carte Campana, cassetta 79), ha studiato la struttura e l’intero contenuto dal Vat. lat. 2836, appartenuto a Angelo Colocci e in parte scritto da lui, in piú casi portando chiarezza anche sulla poesia umanistica del primo Cinquecento.

Vedi Indice

Disponibile su Torrossa store

Dettagli supporto

Supporto cartaceo (libro)

Pagine xxxii-232

ISBN 9788863729931

Anno 2017

Numero in collana 297